Annunci

L’anno che è appena iniziato tra le tante difficoltà mostra anche quelle relative agli incarichi aggiuntivi. Primo fra tutti l’incarico di coordinatore di classe ormai stravolto di adempimenti burocratici. Precisato che l’incarico non risulta normato dal CCNL, molti docenti lo declinano.

Controllo delle assenze, rapporti con le famiglie, redazione dei verbali, coordinamento dei docenti, raccolta del materiale di programmazione, riunioni varie per non parlare del gran lavoro da svolgere per le classi terminali in vista degli esami di stato. Il ruolo di coordinatore è arrivato ad assorbire tante ore. L’istituto spesso riconosce una quota minima dei FIS, in genere si tratta di una decina di ore calcolate in maniera forfettaria. 10 ore che corrispondono a circa 100 euro netti per una mole di lavoro non indifferente.

Gli insegnanti che declinano l’incarico sono sempre più e ciò rappresenta un grosso problema per la dirigenza. La stessa cosa non si può dire per gli incarichi di segretario verbalizzante. Quest’ultimo è un incarico di supporto che non può essere declinato. Siccome si tratta di un incarico non retribuito, è prassi distribuirlo tra i docenti a turno. Quindi ogni consiglio vede un nuovo segretario verbalizzante.

Se l’incarico di segretario è possibile svolgerlo a turno, la stessa cosa sarà possibile anche per il coordinamento, pensano alcuni dirigenti. E così accade che in alcune scuole i docenti si vedono obbligati a coordinare un mese a testa la classe. A differenza della verbalizzazione il coordinamento riguarda un ruolo che deve necessariamente articolarsi lungo l’anno scolastico. Il coordinatore è il referente della classe, quindi i genitori , i colleghi, il dirigente devono avere un solo nominativo cui fare riferimento per avere informazioni sull’andamento didattico della classe.

Il coordinamento, inoltre, a differenza del ruolo del segretario verbalizzante, non è una figura menzionata nel contrato nazionale del lavoro. I docenti, anche se nominati a turno, potranno comunque declinare l’incarico.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Professione Insegnante ha bisogno di te

Vuoi darci una mano? Donaci un caffè per mantenere il nostro sito e i servizi agli insegnanti sempre aggiornati.
Puoi donare con qualsiasi carta di credito.