La controversa norma sul docente esperto che di fatto rappresenta una lotteria a premi per i professionisti della scuola è arrivata al capolinea. Domani 1 settembre sarà in discussione al senato per essere emendata ed eventualmente, come speriamo, stralciata.


Professione insegnante in pieno periodo di vacanze ad agosto ha avviato una petizione on line indirizzata al presidente del consiglio Mario Draghi in cui si chiede lo stralcio della norma

Il testo della petizione parla chiaro e man mano che essa avanzava i vari partiti hanno preso le distanza da una cosa che in effetti offende la classe docente.

Domani in Senato gli stessi partiti saranno chiamati a decidere sulla norma che non ha nulla a che vedere con il “decreto aiuti bis” poiché introdurrebbe qualcosa che avrebbe effetti fra 10 anni, quindi nulla di urgente.

La nostra petizione (eccovi il link) pur nel periodo estivo ha raccolto ben 67.000 firme e grazie ad essa in pieno ferragosto tutti i media hanno avuto modo di parlarne e soprattutto di comunicare il fatto che NESSUNO vuole questa norma offensiva che mira a “premiare” un docente su 100 e dopo 10 anni di formazione. Una lotteria, insomma e mentre al momento quelle nazionali vengono bandite a cadenza annuale, mentre il gratta e vinci è istantaneo, la lotteria degli insegnanti dura ben 10 anni.

Chiediamo a tutti i partiti di stralciare la norma sul docente esperto così come si sono espressi loro stessi durante questa campagna elettorale. Gli insegnanti, sicuramente, non dimenticheranno chi voterà a favore di questa norma pur pronunciandosi contro nelle varie interviste ai media nazionali.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Professione Insegnante ha bisogno di te

Vuoi darci una mano? Donaci un caffè per mantenere il nostro sito e i servizi agli insegnanti sempre aggiornati.
Puoi donare con qualsiasi carta di credito.


Abbiamo bisogno di te


Non sei ancora socio?
scopri cosa puoi fare in PI

This will close in 20 seconds