La perla di oggi riguarda uno dei nodi centrali, ovvero la formazione obbligatoria e continua per gli insegnanti inserita in una riforma abilmente camuffata da questioni di urgenza dentro un progetto politico più ampio come quello del PNRR.

In una intervista di oggi il Ministro dichiara che ogni giorno visita scuole e ci sono insegnanti che chiedono più formazione ed è in base a queste richieste che ha pensato un decreto così diabolico per i docenti.


Ci si chiede quali siano i nomi di quegli insegnanti che abbiamo chiesto di essere formati con “obbligo” da parte di essi stessi. Gli insegnanti che vogliono formati già lo fanno da decenni anche grazie all’uso della carta del docente per acquistare corsi di ogni genere.

Il trucco è sempre lo stesso, inventarsi richieste estemporanee e ignorare un coro di “no” che arriva da parte di tutti. Se davvero Bianchi sostiene che ci siano così tanti insegnanti a chiedere la formazione così come la propone, perchè non indice un sondaggio per raccogliere le manifestazioni di interesse? Se avrà ragione, sicuramente potrà portare avanti la riforma con maggiore determinazione convinto che sia veramente ciò che la base richiede.

Qualcuno ricorda ancora i tour fatti dal PD nella precedente legislatura per proporre “la buona scuola”. Anche in quel caso fummo costretti ad assistere a situazioni strane. Gli insegnanti criticavano vari punti della proposta ma Renzi &Co sostenevano che tutto l’impianto era pienamente appoggiato dagli insegnanti nelle varie occasioni di dibattito.

Bianchi ignora, comunque, che i rappresentanti dei suoi interlocutori ci sono e non sono i singoli insegnanti che incontra per caso bensì i sindacati, quei sindacati con cui ha deciso di non dialogare. Caro Ministro Bianchi, cosa le chiedono i sindacati che rappresentano tutti gli insegnanti? Di certo non quel tipo di formazione che ha già reso legge senza alcun confronto.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Professione Insegnante ha bisogno di te

Vuoi darci una mano? Donaci un caffè per mantenere il nostro sito e i servizi agli insegnanti sempre aggiornati.
Puoi donare con qualsiasi carta di credito.


Donaci un caffè


Professione Insegnante
ha bisogno di te

Vuoi darci una mano? Donaci un caffè per mantenere il nostro sito e i servizi agli insegnanti sempre aggiornati.
Puoi donare con qualsiasi carta di credito.


This will close in 20 seconds