18
Ven, Ott

COMUNICATO  STAMPA

 

L' Associazione Professione Insegnante, con un comunicato stampa,  ha invitato i docenti,  presenti in GAE e in  graduatorie di merito, finalizzate alle immissioni in ruolo, a pretendere  hic et nunc due azioni concretissime per realizzare un piano chiamato"Svuota graduatorie 2019"  come indicato il mese scorso dall'associazione che gestisce un gruppo di circa 120. 000 iscritti.

 

1) Per le immissioni in ruolo ai posti  già vacanti  resi noti dopo le operazioni di mobilità, si dovranno aggiungere   tutti i posti vacanti per cessazione, nessuno escluso, di cui alla quota 100, accertati  entro il 31 luglio 2019 e i posti vacanti che lo scorso anno sono stati coperti da supplenti soprattutto nelle regioni settentrionali.

Leggi tutto: Professione...

Vi è una forte adesione alla manifestazione nazionale “no regionalizzazione scolastica”, prevista a piazza Montecitorio a Roma il 25 giugno ore 14 . Organizzata dal Comitato spontaneo nazionale cittadino comparto scuola al motto di:

"Sì all’eguaglianza dei bambini e giovani italiani, no alla scuola regionalizzata. L’istruzione è un diritto basilare della nostra Repubblica"

La mobilitazione è stata indetta dai Sindacati: Unicobas, Cobas, And, Anief, Gilda degli insegnanti, Adida. associazioni comitati e gruppi fb: Professione Insegnante, Accademia nazionale Docenti, Donne a scuola,  Civesscuola, Per la Scuola della Repubblica, Illuminitalia ed il Comitato Nazionale contro Mobbing-Bossing scolastico. 

Ha dato comunicazione ufficiale della sua partecipazione l' On. Luigi Gallo,  presidente della VII commissione Cultura.

Leggi tutto: Manifestazione...

Nelle indagini sui Presunti Maltrattamenti a Scuola (PMS) i mass-media riportano spesso le intimidazioni pronunciate dalle maestre contro la piccola utenza troppo vivace.

 

Tra le minacce più impressionanti vi sono frasi come “vi impiccherei”, “vi ammazzerei tutti”, “vi butterei fuori dalla finestra”, “ti appiccicherei al muro” (talvolta pronunciate in dialetto). Pur non sembrando “politicamente corrette”, si tratta di evidenti “frasi al vento”, di sfoghi verbali ovvero di espressioni colorite, come dimostra il fatto incontrovertibile che nulla di tutto ciò è mai accaduto per davvero. Quando tali parole (come capita nei processi per PMS) vengono estrapolate da una videoregistrazione, decontestualizzate, interpretate e drammatizzate, finiscono con l’assumere nelle indagini giudiziarie una gravità assoluta, paradossale e totalmente surreale.

Leggi tutto: Telecamere nascoste, un...

Professione Insegnante: precariato: hic et nunc, assumete e svuotate le graduatorie.

 

Da questo Governo non ci aspettiamo bandi e suoni di grancassa sui numeri di future immissioni in ruolo, non vogliamo scorciatoie né concorsi farlocchi e facilitati che screditano la Professione e giustificano gli attuali appiattimenti retributivi. 

A sostenerlo è Professione Insegnante, associazione che gestisce il gruppo social oggi più consistente tra i docenti italiani con circa 120.000 iscritti. 

Non vogliamo quindi la programmazione di concorsi riservati  a questo o a quello  ma cose fattibili e da subito, afferma Libero Tassella uno dei fondatori del gruppo. 

Sappiamo che  a Bussetti piacciono molto i concorsi e recentemente soprattutto  quelli riservati sotto l'input dei Sindacati,  ma ci sono ancora impegni da onorare e docenti che vanno stabilizzati,  continua Tassella, affinché il prossimo anno non sia come i precedenti segnato dal fenomeno della precarizzazione della professione.

 

Ecco cosa  Professione insegnante propone  in sintesi per ottimizzare le immissioni in ruolo su tutti i posti vacanti 2019/20 :

Leggi tutto: Professione Insegnante:...

Sono 520.263 i ragazzi impegnati nell’esame di stato. Auguri a tutti loro.

Le Tracce della prima prova.

Tipologia A, analisi del testo.

Un testo poetico,“Risvegli” di Giuseppe Ungaretti, confluito nel 1942 nella raccolta L’allegria.  

La seconda traccia proposta invece per la Tipologia A – che da quest’anno prevede la scelta tra due brani – è  tratto da “Il giorno della civetta” di Leonardo Sciascia.

Per la tipologia B, testo argomentativo.

1. Corrado Stajano con “La cultura italiana del ‘900” in cui commenta le frasi di alcuni protagonisti del ventesimo secolo (ambito storico-politico);

2. un estratto di “Istruzioni per il futuro. Il patrimonio culturale e la democrazia che verrà” dello storico dell’arte e saggista Tomaso Montanari (ambito artistico-letterario)§;

3.  un brano di Steven Sloman e Philip Fernbach tratto da “L’illusione della conoscenza” (ambito tecnico-scientifico).

Tipologia C, tracce di attualità.

la prima  traccia  parte da un testo tratto dal discorso del prefetto Dottor Luigi Viana, in occasione delle celebrazioni del trentennale dall’uccisione del Prefetto Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, di Emanuela Setti Carraro e dell’agente Domenico Russo.

La seconda invece, su sport e storia, parte dall’articolo del giornalista Cristiano Gatti pubblicato su Il Giornale, che parla della vittoria al Tour de France di Gino Bartali “giusto tra le nazioni” nel 1948, avvenuta in un momento di forte tensione dopo l’attentato a Togliatti.

Giorni di scuola, abbiamo un bel primato! Con la Danimarca siamo tra i primi in Europa! Il "si dice", purtroppo, propone qualcosa di diverso. I dati autorevoli, invece, dicono altro. L'esempio che davanti a grafici e numeri non c'è discussione! Il problema risiede nella diversa distribuzione delle pause.

Giorni di scuola nell'anno, il condizionamento del "si dice"

Giorni di scuola, siamo i primi in Europa! Sembra strano, condizionati dal "si dice" che presenta i docenti come lavoratori privilegiati. Il ritornello tornerà in auge con l'inizio delle vacanze estive. Alcune volte il messaggio passa attraverso il canale del "non detto, ma si comprende". In altri termini, utilizzando una espressione molto cara ai teorici della comunicazione, il contenuto diventa metamessaggio, cioè viaggia utilizzando sguardi, prossimità corporale, toni della voce...

Leggi tutto: Calendario scolastico,...

Quella del dirigente scolastico è una professione difficile anzi, estremamente difficile, ma segnata dalla stessa maledizione che colpisce gli insegnanti: l’opinione pubblica infatti non crede che quello dell’insegnante sia un lavoro particolarmente gravoso, esattamente come il docente non ritiene il compito del dirigente particolarmente impegnativo.

Non basteranno neanche le spiegazioni razionali (“il docente ha la responsabilità di alcune classi ma il dirigente di un intero istituto”) a ristabilire la ragione, proprio come accade per l’opinione pubblica. Ho più volte paragonato la professione del preside all’impresa di un esploratore che si accinge ad attraversare nudo l’Amazzonia con la sola dotazione di un coltellino svizzero.

La partenza è subito in salita perché, dal momento della nomina, cambia l’utenza e, di conseguenza, anche la tipologia di relazione con la stessa. Dal rapporto “asimmetrico e intergenerazionale con gli alunni”, dove non c’è contraddittorio vero e la ragione sta sempre “dalla tua”, si passa d’incanto al confronto “fra pari” con gli ex-colleghi che invece continuano a mantenere il rapporto coi loro studenti.

Leggi tutto: La difficile e usurante...

E' stata depositata in Senato una mozione per abolire l'ora di religione cattolica a scuola e sostituirla con un'ora di educazione civica  da parte di Riccardo Nencini e firmata da un gruppo trasversale di parlamentari e precisamente:  da Emma Bonino, +Europa; Maurizio Buccarella, 5 Stelle; Roberto Rampi, PD; Loredana De Petris, LEU; Carlo Martelli, Gruppo Misto; Elena Fattori, 5 Stelle; Tommaso Cerno, PD; Matteo Mantero, 5 Stelle.

Queste le sollecitazioni rivolte al governo:

 

1)  Abolire l’ora di religione e sostituirla con un’ora obbligatoria di educazione civica

Leggi tutto: Non c'è più religione?...

Noi di Professione Insegnante aderiamo alla manifestazione per il NO alla Regionalizzazione scolastica e riportiamo qui la nostra petizione e il documento ufficiale della manifestazione. Partecipate: è importante.

https://www.change.org/p/giuseppe-conte-no-alla-regionalizzazione-dell-istruzione-pubblica-dello-stato-italiano?fbclid=IwAR3T5hmbGSoqavPatyPI6vmlOV8ua9KtDLDpQK7XKgUv2ZYU9s8xftr9HEg 

Comunicato – Manifestazione nazionale – No regionalizzazione scolastica, piazza Montecitorio ore 14,00 (orario di ingresso dei parlamentari), il 25 giugno 2019 a Roma “Sì all’eguaglianza dei bambini e giovani italiani, no alla scuola regionalizzata”.

PREMESSA

Si è dimostrato con la Sanità che anche qualora lo stato mantenesse l’autorità di stabilire i Livelli Essenziali minimi, il processo di controllo, sanzione e sussidiarietà, è risultato pressoché inapplicabile e inapplicato.

 

ISTRUZIONE DIRITTO COSTITUZIONALE

I cittadini sono tutti uguali, i bambini devono essere tutti eguali di fronte ai diritti costituzionali, primo fra tutti l’istruzione. Per tutelare il valore di eguaglianza naturale dei cittadini, la costituzione istituisce il sistema statale pubblico dell’obbligo scolastico con cui si garantisce a tutti la qualità del livello d’istruzione ed educazione sui comuni valori etici e sociali di solidarietà e cooperazione anche per superare ogni tipo di disuguaglianza e discriminazione.

Leggi tutto: Noi di Professione...

Certamente l'attuale governo non ne terrà affatto conto visto anche il fatto che a due settimane dalle elezioni non si parla più di aumenti di stipendi nè di rinnovo di contratto. Forse occorre attendere la prossima tornata elettorale. Certo è che il fatto che i docenti meritino un consistente aumento ci almeno il 30% in busta paga non lo dicono gli stessi insegnanti bensì la comunità europea. Ciò sicuramente anche per la consapevolazza del fatto che uno stipendio basso di certo non attira i migliori insegnanti.

Leggi tutto: Stipendio docenti:...

Si preme sottolineare e ribadire che per i docenti assunti a tempo determinato (supplenza breve o fino al 30/6/2019) la norma legislativa vigente non pone l'obbligo di fruizione delle ferie; d'altra parte stabilisce che la monetizzazione delle stesse avviene nella misura data dai giorni di ferie spettanti detratti quelli di sospensione delle lezioni compresi nel periodo di lavoro. Per ulteriore chiarificazione n. di giorni maturati e non goduti meno i giorni di non attività didattica durante l'a.s. 2018/2019 (art. 5 comma 8 D.L. 95/2012 divenuto L. 135/2012 e il successivo correttivo art. 1 comma 54 della L. 228/2012).

Proprio così, i compensi per i commissari interni ed estrerni, le indennità di trasferta per chi risiede fuori dal comune di servizio, sono fermi al 2007. Diversi sono stati i rinnovi di contratto e soprattutto ben due sono state le riforme importanti degli ultimi 12 anni ma i compensi sono rimasti gli stessi anche a fronte di un aumendo del 20% del costo della vita tra il 2007 e il 2019. 

Leggi tutto: Esami di stato: i...