Dal 14 agosto, con la fretta di andare al mare e in piena notte i sindacati firmano qualsiasi carta senza sapere che tra le parole del ministro e il testo del documento ci sono tante differenze.

La prima e più rilevante riguarda i tamponi gratuiti, non sono per tutti ma solo per i fragili. Poi le misure di finanziamento e gestione da attuare mediante protocolli di intesa tra singola istituzione e asl, insomma il caos.


Ma i sindacati sono energici e finalmente dopo che per ben 6 giorni sui social leggono la delusione dei docenti finalmente si armano di coraggio e chiedono un ulteriore incontro per salvare la faccia.

Il 24 agosto dovrebbero incontrare il ministro Bianchi ma si sa come andrà a finire. Se ne torneranno con un nulla di fatto, ormai lo scippo dell’accordo sul protocollo sicurezza è già avvenuto.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Professione Insegnante ha bisogno di te

Vuoi darci una mano? Donaci un caffè per mantenere il nostro sito e i servizi agli insegnanti sempre aggiornati.
Puoi donare con qualsiasi carta di credito.


Donaci un caffè


Professione Insegnante
ha bisogno di te

Vuoi darci una mano? Donaci un caffè per mantenere il nostro sito e i servizi agli insegnanti sempre aggiornati.
Puoi donare con qualsiasi carta di credito.


This will close in 20 seconds