Si va verso la fine dello stato di emergenza in un momento di distrazione in cui guardiamo verso la guerra in Ucraina che ci preoccupa parecchio.

La fine dello stato di emergenza è prevista per il 31 marzo e stavolta pare che il governo non intenda prorograrla nonostante ci sia una risalita del numero dei contagi sia in forte risalita (ieri 54000) e il numero di morti non è da trascurare (ieri 136).


Ma cosa comporta la fine dello stato di emergenza? Quali saranno le misure che verranno meno? Secondo alcune indiscrezioni:

  • Non dovrebbero essere più necessarie le mascherine all’aperto
  • Non si dovrebbe andare in quarantene da contatto
  • Verrebbe abolito l’obbligo di mascherina all’aperto
  • forse scomparirà l’obbligo di Green Pass rafforzato per gli eventi all’aperto
  • Il sistema vaccinale dovrebbe passare a gestione regionale come accade nelle situazioni di normalità
  • verrà sicuramente abolito il sistema di “colorazione” delle regioni in base agli indicatori utilizzati in questi due anni di pandemia

Insomma, il 1 aprile (a patto che non sia un pesce d’aprile) almeno sulla carta verrà decretata la normalità che di fatto ancora non c’è.

Non resta che sperare che i contagi e tutti gli indicatori continuino a scendere altrimenti c’è il serio rischio di ritrovarsi di fronte ad un’altra ondata.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Professione Insegnante ha bisogno di te

Vuoi darci una mano? Donaci un caffè per mantenere il nostro sito e i servizi agli insegnanti sempre aggiornati.
Puoi donare con qualsiasi carta di credito.


Donaci un caffè


Professione Insegnante
ha bisogno di te

Vuoi darci una mano? Donaci un caffè per mantenere il nostro sito e i servizi agli insegnanti sempre aggiornati.
Puoi donare con qualsiasi carta di credito.


This will close in 20 seconds