Annunci

Sembra un copione ormai scritto da anni. Su 112mila cattedre vacanti ben 48.000 lo sono in tre regioni del Nord da sempre in difficoltà nel completare i loro organici. 25.800 nella sola Lombardia, circa il 22,6%. Praticamente più di una cattedra su 5 è vacante. Inutile dire che i concorsi straordinari non hanno consentito di risolvere il problema visti i contingenti minimi messi a disposizione.

Del resto non occorre la palla di vetro per prevedere che i quasi 13.000 posti sul sostegno resteranno vacanti per la quasi totalità. Non ci sono così tanti specializzati sul sostegno.

Ancora una volta ci si chiede cosa spinga il Ministero a non aumentare il contingente dei posti nei corsi di specializzazione TFA sostegno che tra l’altro sono iper selettivi. E’ ormai consolidato il fenomeno del passaggio da sostegno a posto com une e servono sempre più docenti specializzati.

Scorrendo i vari contingenti regione per regione, appare sempre più evidente il divario Nord-Sud mai colmato neanche nelle previsioni di posti da mettere a concorso.

Del resto se andiamo a curiosare nei contingenti dei concorsi STEM, ci accorgiamo che i contingenti messi a disposizione di gran lunga inferiori al numero di posti vacanti. E parliamo solo per l’anno 2021-22.

Se da un lato riesce difficile per l’esecutivo prevedere le “migrazioni” tra regioni per via della mobilità dall’altro un attento studio sul pregresso dovrebbe insegnare a prevedere ciò che ci si potrà aspettare nei prossimi anni.
La progressione di posti rimasti vacanti anno dopo anno è spaventosa.

Si parte sa 16mila cattedre rimaste vacanti dal piano varato con la legge 107 nel 2015 a 25mila posti l’ano successivo e via via si arriva sino ai 63mila posti ( su un totale di 82mila) rimasti vacanti lo scorso anno.

Da matematico non posso che prevedere che quest’anno ben 80mila cattedre su 112.000 resteranno vacanti. Già mi aspetto i titoli dei giornali: nessuno vuole il posto fisso da insegnante.

Infine va considerato tutto il contingente dei posti in organico di fatto, circa 80mila cattedre non messe a ruolo e per la maggior parte basata sui posti in deroga sul sostegno. quasi 200.000 cattedre vacanti non possono far bene alla scuola.

Ecco i contingenti: allegato nazionale

Quadro per regioni

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •