Come avevamo ampiamente previsto in questo articolo, dove calcolavamo che sarebbero rimaste vacanti circa 50mila cattedre, apprendiamo da qualche giorno che su oltre 94.000 cattedre a ruolo, ben 45.000 sono rimaste vacanti, circa la metà. La call veloce di questi ultimi giorni sulla quale il ministro poneva grandi speranze ha dato gli esiti che ci si aspettava: poche decine di docenti per regione hanno deciso di aderire.


La questione del reclutamento si conferma il problema numero uno della scuola e nonostante Bianchi mistifichi la realtà dicendo che il 1 settembre tutti i posti verranno occupati, i numeri non gli danno ragione.

Il vero problema che tutti i ministri ignorano ha a che fare con la distribuzione dei posti disponibili. I concorsi altamente selettivi, mediante un sistema a quiz errati discutibile, hanno portato a pochi vincitori, da nord a sud. E mentre nelle regioni meridionali i posti disponibili sono stati in larga parte coperti grazie anche al doppio canale, al nord rimane ancora il grave problema delle cattedre vacanti.

In poche settimane Bianchi è passato dall’esaltazione del piano assunzionale su quasi centomila posti (come se fosse lui ad averli creati) al silenzio sul numero degli assunti e delle cattedre ancora vacanti.

Il prossimo ministro dell’istruzione dovrà sistemare ben 45mila cattedre più quelle che verranno fuori dal turn over per via delle pensioni: circa 30mila.

Nulla di nuovo, quindi, sotto il sole, nonostante i tanti concorsi ordinari o straordinari che siano.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Professione Insegnante ha bisogno di te

Vuoi darci una mano? Donaci un caffè per mantenere il nostro sito e i servizi agli insegnanti sempre aggiornati.
Puoi donare con qualsiasi carta di credito.


Abbiamo bisogno di te


Non sei ancora socio?
scopri cosa puoi fare in PI

This will close in 20 seconds