18
Lun, Dic

News

A pochi giorni dall’inizio del nuovo anno scolastico si assiste a decine di migliaia di docenti che a ferragosto attendono la loro sede definitiva. Per la cronaca, i docenti in mobilità e i neo immessi dovrebbero pendere dalle labbra di DS che li selezionano in base ad un rigido disciplinare che parte da un elenco di criteri e finisce con la proposta di nomina. Per i neo immessi il calendario delle operazioni era molto serrato: 9 agosto fine inserimento curriculum in piattaforma istanze on line, 11 agosto: i DS fanno proposte di nomina (senza poter passare per bandi, domande, graduatorie ecc…);

Il 13 agosto danno il responso finale. E’ chiaro che di fronte ad una simile tabella di marcia nel mese di agosto molti DS, in alcuni casi la quasi totalità, hanno disertato le operazioni di chiamata diretta. Quindi che succede? Qualcosa di peggio o no? Dipende! I docenti inseriti negli ambiti territoriali (come dire: per semplificare aggiungiamo altri elementi di distorsione) vengono piazzati nelle scuole secondo un particolare ALGORITMO. Sempre quello! Essi hanno scelto una scuola di partenza e da lì vengono piazzati in quella o altre scuole “vicine” in base alla loro posizione in una graduatoria di ambito. Non si capisce ancora per quale motivo non si debba chiedere loro sempre in base ad una graduatoria di scegliere via via tra le cattedre disponibili. Non si capisce perchè complicare ulteriormente le cose, almeno laddove la chiamata diretta fallisce. 

C’è dell’altro! Le operazioni di nomina in ruolo sono ancora in corso e tutte quelle effettuate dopo il 9 agosto non consentono ai docenti di individuare la scuola di partenza. Quindi che succede? La norma prevede  che essi siano piazzati sempre dal famoso algoritmo in base alla scuola polo. Si dà il caso che la scuola polo sia a 100 km di distanza dalla propria residenza. Che colpa ha, adesso, un insegnante neo immesso se il proprio CSA lo nomina dopo il tempo massimo quindi quando non può indicare alcuna scuola di partenza?

Adesso ci chiediamo: non sarebbe meglio abolire i maledetti ambiti territoriali e la chiamata diretta dopo che per ben due anni non hanno funzionato per niente?