27
Lun, Mag

News

Di seguito riporto una serie di citazioni latine sull’amore, che ancor’oggi sono valide e che attestano quanto i latini conoscessero bene i meccanismi dell’amore e delle relazioni in generale, dal punto di vista anche psicologico . Vengono proposte con lo scopo di far riflettere, in maniera simpatica ed inusuale sui  meccanismi dell’amore e su come anche una lingua antica come il latino sia ancora attuale nei contenuti. Inoltre tali citazioni potrebbero essere usate, in ambito scolastico, per effettuare sia lezione di educazione affettiva che di latino, sempre in maniera utile e simpatica.

Nec sine te, nec tecum vivere possum.

Non posso vivere né con te, né senza di te. (Ovidio)

 

Nil difficile amanti puto.

Nulla è difficile a chi ama. (Cicerone)

 

Nisi qui ipse amavit, aegre amantis ingenium inspicit.                                                                                                              

Chi non ha mai amato, difficilmente comprende l’animo di chi ama. (Plauto)

 

Qui pote transferre amorem, pote deponere.                                                                                                                              

Chi può passare da un amore all’altro, può facilmente abbandonarlo. (Publilio Siro)

 

Quis legemdes amantibus? Maior lex amor est sibi.                                                                                                                    

Chi mai può dar leggi agli amanti? L’amore è al di sopra di tutte le leggi. (Boezio)

 

Amor et melle et felle est fecundissimus.                                                                                                                               

L’amore produce molto miele e fiele. (Tito Maccio Plauto)

 

Amoris vulnus idem sanat qui facit.                                                                                                                                                 

La ferita d’amore la sana chi la provoca. (Publilio Siro)

 

Quantum oculis, tantum procul ibit amor.

L’amore se ne andrà tanto lontano quanto è lontano dagli occhi. (Properzio)

 

Est in canitie ridicula Venus.

È ridicolo l’amore di un vecchio.

 

Qui pote transferre amorem, pote deponere.

Chi può passare da un amore all’altro, può facilmente abbandonarlo. (Publilio Siro)

 

Difficile est longum subito deponere amorem.

É difficile guarire di colpo d’un amore durato a lungo. (Catullo)

 

Illi poena datur qui semper amat nec amatur.

Soffre le pene chi sempre ama e non è amato.

 

Verus amor nullum novit habere modum.

Il vero amore non ha mai conosciuta alcuna misura. (Properzio)

 

Nil difficile amanti puto.

Nulla è difficile a chi ama. (Cicerone)

 

Amor caecus.

L’amore è cieco.

 

Semper amorem minui vel crescere constat.

É un fatto constatato che l’amore o cresce o diminuisce, mai rimane eguale.

 

Amor arma ministrat.

L’amore procura le armi.

 

Non bene, si tollas proelia, durat amor.

Se all’amore togli le piccole liti, non dura. (Ovidio)

 

Oculi sunt in amore duces.

In amore siamo guidati dagli occhi. (Properzio)

 

Amantis ius iurandum poenam non habet.

Il giuramento dell’innamorato non si può punire.

 

Amor magister est optimus.

L’amore è un ottimo maestro. (Plinio)

 

Amor odit inertes.

L’amore odia gli inerti. (Ovidio)

 

Amor gignit amorem.

L’amore genera amore.

 

Amor omnibus idem.

L’amore per tutti è lo stesso. (Publio Virgilio Marone)

 

Qui non zelat non amat.

Chi non è geloso non ama. (Sant’agostino)

 

Si vis amari, ama.

Se vuoi essere amato, ama. (Seneca)

 

Amoris vulnus idem sanat qui facit.

La ferita d’amore la sana chi la provoca. (Publilio Siro)

 

Amator, quasi piscis, nequam est, nisi recens.

L’amante è come il pesce: è cattivo se non è fresco. (Plauto)

 

Amantium irae amoris integratio est.

Le ire degli amanti rinnovano l’amore. (Terenzio)

 

Amor amara dat.

L’amore dà amarezze. (Plauto)

 

Amantes amentes.

Gli amanti son pazzi.

 

Amor tussique non celatur.

L’amore e la tosse non si possono nascondere.

 

Res est solliciti plena timoris amor.

L’amore è pieno di inquieti timori. (Ovidio)

 

Fortis est ut mors dilectio, dura sicut infernus aemulatio.

L’amore è forte come la morte, la gelosia dura come l’inferno.

 

Odero, si potero; si non, invitus amabo.

Ti odierò, se potrò; altrimenti ti amerò mio malgrado. (Ovidio)

 

Vinculum amoris est idem velle.

Il vero vincolo d’amore sta nel concorde volere. (Seneca)

 

Improbe amor, quid non mortalia pectora cogis!

Crudele amore, che cosa gli animi mortali non spingi a fare! (Virgilio)

 

Ama tamquam osurus.

Ama come se poi dovessi odiare. (Cicerone)

 

Amare nihil aliud est, nisi eum ipsum diligere quem ames, nulla indigentia, nulla utilitate quaesita.

Amare non è altro che scegliere quello cui ti senti voler bene, non per bisogno, né per utilità alcuna. (Cicerone)

 

Antiquus amor cancer est.

L’antico amore è come un cancro.

 

Amare iuveni fructus est, crimen seni.

Amare è come un frutto per il giovane, un delitto per il vecchio. (Publilio Siro)

 

Odi et amo. Quare id faciam, fortasse requiris. Nescio, sed fieri sentio et excrucior.

Ti odio e ti amo. Come possa fare ciò, forse ti chiedi. Non lo so, ma sento che così avviene e me ne tormento. (Catullo)

 

Omnia vincit amor et nos cedamus amori.

L’amore vince su tutto e noi cediamo all’amore. (Publio Virgilio Marone)

 

Amor et dominium non patiuntur socium.

L’amore e la proprietà non tollerano soci [divisioni].

 

Amor est vitae essentia.

L’amore è l’essenza della vita.

 

Nisi qui ipse amavit, aegre amantis ingenium inspicit.

Chi non ha mai amato, malamente vede le code d’amore. (Plauto)

 

Amor et melle et felle est fecundissimus.

L’amore produce molto miele e fiele. (Tito maccio plauto)

 

Dott. Roberto Cavaliere Psicoterapeuta www.psicologiadellamore.it