19
Mar, Giu

News

I dirigenti devono ruotare proprio per la loro funzione e per il carico di poteri che hanno dalla legge nella scuola della neo autonomia venuta fuori dalla buona scuola di Renzi.  Fa specie che alcuni docenti abbiano liquidato con giudizi sommari questa mia proposta.

Orbene i  DS non possono mettere radici in una scuola per anni ed anni come un tempo  i vecchi presidi. Non dimentichiamo che oggi i DS:

1) Condizionano pesantemente la didattica e le caratteristiche dell'offerta formativa. 

2) Gestiscono l'organico dell'autonomia articolando le cattedre di curriculari e potenziamento.

3) Gestiscono il collegio come una conferenza di servizio e concordano le proposte che illustrano al collegio con slide solo con il loro staff.

4) Potrebbero tra breve avere anche il potere di sospendere il docente dal servizio fino a dieci giorni, vedi coda contrattuale di luglio. Questo darebbe un enorme potere sui docenti.

5) Spesso governano i tavoli negoziali con RSU amiche, ricattano gli stessi sindacati sui voti per le RSU nelle successive elezioni che sono condizionate dai DS e dalle loro mappe di potere e consenso.

6) Utilizzano il salario accessorio e i sogni di gloria di qualche docente  come collante per la loro mappa di potete che è  anche di consenso.

7) Nella chiamata diretta si scelgono chi gli aggrada titolare dell'ambito.

8) Hanno una grande discrezionalità nell'assegnare i bonus oltre la stessa legge. 

9) Agiscono in piena autonomia spesso in modo spregiudicato e autoreferenziale in spregio alle norme e ai contratti.  Come se in autonomia potessero far quello che a loro pare.

10) Non sono soggetti contrattualmente  ad orario e  spesso non ci sono e delegano, pagando con il FIS per attività che competono alla funzione dirigenziale. 

Ecco perché  i DS della 107  devono ruotare ogni tre anni e se vogliono il rinnovo del contratto triennale da parte del Direttore  scolastico regionale devono avere alcuni requisiti certificati da visite ispettive e da un questionario assolutamente anonimo di gradimento compilato da Docenti e ATA che deve essere vincolante per la conferma.