20
Sab, Gen

News

Firmato accordo lampo che lascia soddisfatti i docenti precari i quali potranno ancora avvalersi delle aliquote del 2017 ovvero 60% dei posti al ruolo (da dividere pariteticamente tra GAE e GM) e la rimanente parte, 30% a mobilità e il 10% a mobilità professionale. 
Le quote consentono di mettere d'accordo tutti, docenti di ruolo e docenti precari soprattutto alla luce della decisione di inserire nella legge di bilancio 20.000 posti da trasformare da organico di fatto a organico di diritto. 

Certo, occorre capire anche dove saranno i posti disponibili, occorre anche capire se ci saranno i 10.000 docenti di sostegno che vengono richiesti da metà di quei 20.000 posti stabilizzati. Si sa che le gli elenchi sul sostegno sono spesso esaurite e sarebbe interessante, ad esempio, introdurre veri e prorpi corsi di specializzazione riservati che consentano di allargare la platea dei docenti interessari, sempre pro quota, da immettere in ruolo.

Un corso di specializzazione che consenta di acquisire il titolo in tempo utile potrebbe essere una soluzione laddove uei docenti mancano e la geografia della distribuzione dei posti unita alla mobilità professionale che ogni anno lascia sul terreno dai 6000 agli 8000 posti sul sostegno per spostarsi su posto comune dovrebbero insegnare ad agire in anticipo e fornire agli alunni in situazione di handicap l'insegnante specializzato che meritano.