22
Sab, Set

News

A 3 giorni dal lancio della petizione si intravvedono i primi risultati ed i primi effetti sui sindacati. Effetti che fanno sicuramente riflettere parecchio. 

Se fino a qualche settimana fa nessuno parlava di aumenti da 200 euro al mese netti adesso ANIEF sostiene di aver fissato da tempo questa cifra quale aumento proposto per il rinnovo del contratto. C'è di più cominciano ad uscire i primi comunicati dove addirittura ANIEF sostiene che siano gli isnegnanti ad appoggiare la propria linea quando invece la petizione parte proprio da noi, da Professione Insegnante, da un gruppo facebook che raccoglie quasi centomila docenti, ben 6 volte più dei tesserati del sindacato che quasi rivendica la paternità sulla nostra petizione senza avere il coraggio di diffonderne il link diretto.

 "La linea è accolta in pieno dagli insegnanti autori in queste ore di una petizione pubblica, con cui chiedono ai sindacati maggioritari "un adeguamento di almeno 200 euro netti di stipendiofermo da 9 anni"" ecco un virgolettato che appare su diverse testate giornalistiche. Ma come mai hanno così tanta paura a citare il nome dell'associazione che propone la petizione? Non si tratta di "insegnanti autori" bensì di Professione Insegnante! E' così difficile evincerlo dalla schermata iniziale della stessa petizione? Pessima mossa quella di voler far leva sulla nostra petizione ma non essere in grado di citare gli autori per paura di essere oscurati nella lotta contro il tentativo di un rinnovo del contratto palesemente umiliante per i docenti. Ci saremmo aspettati, invece, una azione congiunta, una volta tanto soprattutto alla luce del fatto che la nostra petizione minaccia lo straccio delle tessere sindacali di qui sindacati che andranno eventualmente a firmare.

L'altra nota interessante riguarda il fatto che lo SNALS, uno dei cinque sindacati "pronto firma" forse non sarà interessato a firmare un rinnovo così come lo si presenta. Speriamo che non cambi idea, sarebbe già un primo risultato della nostra lotta che va verso le centomila firme sulla petizione che, ricordiamo, è DI PROFESSIONE INSEGNANTE senza le ingerenze di nessun sindacato grande o piccolo che sia.

Eccovi il link per firmare la petizione con maggior convinzione,

ce la possiamo fare, visto che qualcuno cambia idea e qualcun altro si assume l'idea stessa della petizione com strumento di lotta