A chi dice di non demonizzare la "didattica a distanza" (nessuno ovviamente si sogna di farlo per il passato, visto è stata l'unico modo di mantenere un legame sia pur minimo e insufficiente con i nostri studenti) e le nuove tecnologie, rispondo che ciò che bisogna evitare è l'appiattimento che aziendalisti, burocrati ed enti privati che nulla sanno della scuola vogliono imporci a tutti i costi in quello che è il nostro lavoro. Il mio compito prioritario, da insegnante di Lettere, è quello di far sì che gli studenti escano da scuola con un pizzico di intelligenza, di capacità di ragionare e di sensibilità in più, che allarghino il loro orizzonte linguistico (il che vuol dire allargare anche il proprio mondo e la propria capacità di "vedere"), che sappiano leggere un libro e capiscano quello che dice, che acquisiscano un po' di consapevolezza della profondità storica in cui è radicato il nostro presente, che siano in grado di maneggiare qualche idea e qualche contenuto culturale significativo che possa aiutarli ad arricchire la propria vita e a dare un senso alla loro esperienza; e non mi serve che qualcuno che non ne capisce nulla venga a dirmi come devo farlo.  Non mi sottraggo a priori, ma per insegnargli altro - ad esempio un corretto uso delle nuove tecnologie - ci sono persone che ne sanno infinitamente più di me, e questo dovrebbe essere il bello di una scuola capace di offrire una preparazione a trecentosessanta gradi.

Leggi tutto: Contro l'omologazione,...

“La scuola è un pilastro fondamentale che bisogna riparare” titolava un bellissimo articolo di Simona Bonsignori su Il Manifesto, qualche giorno fa. Nello stesso articolo si raccontava di come, durante la pandemia, bambine/i e ragazze/i fossero stati i grandi assenti dal discorso pubblico e ci si preoccupava del fatto che se fosse passata l’idea che la scuola era prescindibile allora sarebbe stata smantellata.

Leggi tutto: La scuola al centro

Il 25 maggio 2020 è stato pubblicato da Anp ("Associazione nazionale dirigenti pubblici e alte professionalità [!] della scuola", l'ex Associazione Nazionale Presidi) un lunghissimo e farraginoso documento intitolato “Proposte Anp per la riapertura delle scuole a settembre”. Attenzione, il titolo è fuorviante: come si vedrà, il reale oggetto del documento non è la riapertura delle scuole a settembre, ma un vero e proprio progetto per la “scuola del futuro”, nella quale gli insegnanti diventino i meri esecutori - nei contenuti, nei metodi e negli strumenti dell’insegnamento - dei diktat di un Dirigente cui siano stati conferiti poteri assoluti, attorniato dal suo “middle management”. Rispetto a tale progetto, l’“occasione” rappresentata dall’emergenza è solo il punto di partenza. Riporto qui solo alcuni passaggi, per non infierire sulle persone più impressionabili.

Leggi tutto: Insegnare in una scuola...

Meno tempo in aula e più a casa  con didattica a distanza. Patti di comunità col territorio cioè utilizzo di  spazi esterni agli istituti dove svolgere esperienze alternative.

 Più disuguaglianze? 

Stiamo cogliendo la crisi come occasione per migliorare, svecchiare, modernizzare, digitalizzare la scuola italiana o si sta approfittando   dell’emergenza sanitaria per imporre una riforma di sistema che rivoluzionerà i modelli  educativi e la storia di ciascuno studente e il profilo lavorativo e culturale di ogni insegnante? 

Leggete leggete.

Radio Popolare intervista brevemente Giulio Ceppi, architetto e professore aggregato presso il Politecnico di Milano, membro del Comitato di esperti istituito dal Ministero dell’Istruzione che sta lavorando alle ipotesi di riapertura a settembre. 

Dice testualmente:

"Bisogna cercare di usare quanto ci sta accadendo per alzare l’asticella e cogliere, come spesso accade in Italia, l’emergenza per cercare di risolvere problemi come quelli delle classi troppo numerose che ci accompagnano da troppi anni.

Certamente cercare di usare il tempo e non solo lo spazio – o meglio la combinazione di queste due variabili -in una maniera diversa.

Leggi tutto: Meno tempo in aula e...

Rientro a settembre, molta attenzione sulla Dad, un po’ meno sulle classi pollaio. La loro immediata abolizione e porterebbe solo benefici.

Rientro a scuola, il dibattito si sta concentrando sui limiti della didattica a distanza. Le classi pollaio rimangono leggermente al margine. La situazione attuale rappresenta la condizione ottimale per la loro abolizione e per favorire l'ipotetica soluzione dei piccoli gruppi (rientro). La soluzione ideale del modello blended.

Rientro a scuola, la didattica a distanza sul banco degli imputati

Rientro a scuola, Molte sono le opinioni contrarie al proseguimento della didattica a distanza (Dad). Si riceve l'impressione che la Dad sia percepita come un corpo estraneo dalla scuola, che invece si basa sulla relazione e la costruzione sociale degli apprendimenti. Da qui la richiesta di espulsione del virus dalla prassi didattica.

Leggi tutto: Rientro a scuola. Molta...

Riapertura scuole a settembre? Nulla ancora è stato deciso. Non se ne parla, ma resta il problema dei tanti docenti over 60.  Bisogno di una risposta certa e chiara. E' in gioco il bene primario della tutela della salute.

Riapertura scuole a settembre, dalle dichiarazioni della Ministra mancano i docenti e…

Riapertura scuole a settembre, il Ministro sta rilasciando diverse interviste. La sua attenzione, ovviamente è concentrata sugli alunni e studenti. Purtroppo mancano tutti gli altri protagonisti: in primis gli insegnanti, poi i collaboratori scolastici.

Eppure uno dei motivi che ha spinto G. Conte a decretare la definitiva chiusura delle scuole è la presenza di molti docenti con età anagrafica alta. " Ragionevolmente avremo scuole chiuse fino a fine anno scolastico. Ci abbiamo riflettuto a lungo con la ministra Azzolina, gli altri membri del governo e con il comitato tecnico-scientifico...Gli studi ci dicono che avremmo una nuova esplosione nel giro di 1-2 settimane, tenendo conto che l'età media del nostro personale docente è forse la più elevata d'Europa..."

Leggi tutto: Riapertura scuole a...

Nel  decreto legge sulla scuola dell’8 aprile 2020, per il solo anno scolastico 2019/20, si prevede che il Ministro dell’Istruzione possa predisporre diverse misure in deroga alla normativa vigente. Tra le misure del decreto una riguarda l’adozione dei libri di testo che, in genere, avviene entro la seconda decade del mese di maggio.

Leggi tutto: Conferma dei libri di...

 Il dibattito sul ritorno a scuola a settembre appare a prima vista piuttosto sterile: non è infatti questa una decisione che possa prescindere dalla situazione epidemiologica in cui il nostro Paese si troverà alle soglie dell'autunno; perciò l'argomento sembra in alcuni momenti soltanto l'ennesima occasione di scontro e di divisione all'interno della classe docente. Detto questo, la questione sembrerebbe chiusa: aspettiamo di vedere quello che succederà e poi decideremo. Ma è proprio così?

Leggi tutto: Settembre, andiamo...

La questione del reclutamento, che era già complessa prima, adesso, in tempi di coronavirus, sembra quasi indistricabile: come si fa a prevedere concorsi in questo periodo, dicono alcuni, non senza diverse buone ragioni?

Leggi tutto: Concorsi e coronavirus

Caro diario,

oggi è il ventisettesimo giorno di quarantena. No aspetta; credo sia il ventottesimo, oppure il ventinovesimo. Sinceramente? Non lo so. Non ricordo. Ormai tutti i giorni sono sempre uguali. Mi torna in mente quando il lunedì mattina mi svegliavo, come al solito, alle 7:30, prendevo il quaderno, e cominciavo a ripassare. Che ricordi. Odiavo il lunedì, sai; prima la fisica, poi la matematica, poi la scienza, per passare dopo ad inglese ed infine filosofia. Roba da matti non credi? Per non parlare di tutti gli altri giorni della settimana, passati tra traduzioni di latino, calcoli di derivate, prima guerra mondiale e chi più ne ha più ne metta. Il mio giorno preferito? Beh, che domande: ovviamente il sabato! (possibilmente dalle 13:15 in poi). Eppure oggi qualcosa in me è cambiato. Mi chiamo Adriana, ho 18 anni e frequento l’ultimo anno del liceo scientifico. Sì, proprio così, l’ultimo anno: quello dei rimpianti, quello dei timori, quello dei sogni e anche quello delle speranze, insomma, come si suol dire “l’anno indimenticabile”.

Leggi tutto: "Anche io voglio i miei...

Professione Insegnante ha attivato, per questo periodo di emergenza, un progetto di consulenza psicologica gratuita per insegnanti, genitori e (a condizioni da concordare, se minorenni) studenti, gestito dal dottor Alessandro Zammarelli, membro della Società Italiana di Psicoanalisi Relazionale, collaboratore di questa pagina con la rubrica “Lo psicoanalista risponde” ed esperto delle attività di sportello d’ascolto scolastico. 

Leggi tutto: Il servizio di...

Sembra che il mondo della scuola, di fronte all'emergenza e alla necessità di una "didattica a distanza", si trovi in uno stato di grande incertezza e smarrimento; cosa naturalissima e comprensibile, visto che viviamo una situazione nuova per tutti, largamente imprevedibile e imprevista. Quello che però emerge da questo momento di confusione è anche altro: il sistema educativo, al di là del lodevole ed estenuante impegno di tanti insegnanti, sconta delle carenze pregresse che non sono principalmente quelle legate all’uso delle nuove tecnologie, come si vorrebbe credere e far credere in modo riduttivo e molto semplicistico, quanto piuttosto quelle legate al senso profondo della scuola e del lavoro che nella scuola si porta avanti.

Leggi tutto: Resistere, riflettere...