Molti si chiedono se lo sciopero comporti danni oltre a quelli stipendiali. Proviamo a fare un po’ di chiarezza ciò a cui si va incontro in caso di sciopero.

Premesso che il lavoratore ha diritto allo sciopero, sia esso precario o di ruolo, il giorno dello sciopero viene decurtato dallo stipendio nella misura di 1/30 dell’importo dello stesso. La somma dipende dalla fascia stipendiale cui si appartiene.


Il giorno di sciopero risulta essere a tutti gli effetti giorno di servizio ai fini del calcolo dei 180 giorni per i docenti precari.

Il giorno di sciopero risulta altresì giorno di servizio ai fini del cumulo del tempo lavorativo utile alla maturazione dell’assegno pensionistico, tuttavia il giorno di sciopero non contribuisce alla somma dell’assegno pensionistico poiché non percependo, il lavoratore, stipendio per quel giorno, egli non versa i relativi contributi. Questi ultimi comunque costituiscono una parte infinitesimale dei contributi che versa durante tutta la vita lavorativa.

Il giorno di sciopero non interrompe il servizio poiché esso è un giorno il cui il docente esercita il proprio diritto a manifestare.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Professione Insegnante ha bisogno di te

Vuoi darci una mano? Donaci un caffè per mantenere il nostro sito e i servizi agli insegnanti sempre aggiornati.
Puoi donare con qualsiasi carta di credito.


Donaci un caffè


Professione Insegnante
ha bisogno di te

Vuoi darci una mano? Donaci un caffè per mantenere il nostro sito e i servizi agli insegnanti sempre aggiornati.
Puoi donare con qualsiasi carta di credito.


This will close in 20 seconds