Cerca su Prof-Ins

Corso Coding

volantino coding

Ultimi giorni per iscriversi al corso coding ad € 49,00

Clicca qui per accedere al corso ed alla prima lezione gratuita

Contattaci per avere più informazioni

Formazione@professioneinsegnante.it

 

feed notizie

Abbonati alle news!

Seguici su Facebook

Accedi

Accedi con Facebook o Twitter

Chi c'è on line

Abbiamo 204 visitatori e nessun utente online

Newsletter Prof-ins

Iscriviti alle nostre newsletter se vuoi essere aggiornato costantemente con le nostre notizie. Siamo oltre 50.000 e cresciamo ogni giorno di più
Ricezione
Privacy e Termini di Utilizzo

 

Professione insegnante si estende su Facebook. Un gruppo di insegnanti tra i più frequentati della rete in cui trovare gli articoli di questo sito, commentarli condividerli. Un gruppo in cui porre quesiti e trovare le risposte di oltre 56.000 colleghi.

 iscriviti subito clicca qui

 

 

50.000 euro al miglior docente? No, incassa la scuola!

Schermata 2016-03-14 alle 13.35.45

Gentile Ministra Giannini,
In occasione   della proclamazione del vincitore del 'Global Teacher Prize', il premio internazionale divenuto noto come 'Nobel' dei docenti Lei ha annunciato, in un video, che anche l'Italia istituirà un Premio nazionale degli insegnanti e ha  precisato che tale   premio sarà di 50 mila euro per il miglior prof dell'anno. Altri 4 premi saranno di 30 mila euro.

E, ci tengo a precisarlo prima che si cominci a pensare che noi docenti italiani ci arricchiremo,  queste migliaia di euro saranno tutti da utilizzare per progetti all'interno delle scuole.
Ha inoltre spiegato che lo scopo di tale premio è quello di accendere i riflettori sul ruolo strategico che gli insegnanti nella società contemporanea.
Inoltre aggiunge che il Suo  pensiero "va a tutta la comunità degli insegnanti italiani che dal prossimo anno avranno anche questa occasione per dimostrare il loro attaccamento, la loro dedizione quotidiana alla scuola e quindi allo sviluppo di una società migliore".


Gentile Ministra Giannini se davvero vuole valorizzare la nostra professione innanzitutto faccia in  modo che noi  docenti  possiamo vivere con uno stipendio dignitoso e adeguato all'importanza che lei stessa ci riconosce sbloccando i nostri stipendi e adeguandoli sia agli standard europei che al carovita, alle tasse, agli affitti che sono spade di Damocle sospese sulle nostre teste ogni mese.  Poi la smetta di fingere di non sapere che, all'interno delle scuole, queste gare al più bravo e al meritevole non migliorano affatto lo spirito di collaborazione necessario al buon funzionamento della scuola stessan e che non portano a  un proficuo e sereno clima  lavorativo. Per insegnare bene occorre collaborare coi colleghi e questo accade anche per  i progetti, che, diciamolo francamente, spesso tolgono tempo alle normali attività didattiche fondamentali per gli studenti.  E Lei pensa che in un ambiente scuola in cui ognuno di noi è in competizione con gli altri per il premio del meritevole o per questo riconoscimento da Nobel  poi  per attuare  tali  progetti eventualmente finanziati  sarà facile  trovare docenti che cooperano tra loro? E poi mi preme sottolineare che  queste migliaia di euro  non  andranno in tasca né ai docenti né saranno utili per sistemare strutture fatiscenti e cadenti, ma  finiranno in progetti  cari al Miur e all'Invalsi, all'Indire, all'Università, agli  imprenditori e associazioni impegnati in progetti nel settore dell'istruzione, a TreElle. E dunque tanta fatica per far guadagnare i soliti Amici?
No, grazie, Gentile Ministra.

Ci abbassi pure il titolo e ci alzi lo stipendio.

Non puoi inserire commenti, registrati ed accedi per inserire un commento!