Cerca su Prof-Ins

Corso Coding

volantino coding

Ultimi giorni per iscriversi al corso coding ad € 49,00

Clicca qui per accedere al corso ed alla prima lezione gratuita

Contattaci per avere più informazioni

Formazione@professioneinsegnante.it

 

feed notizie

Abbonati alle news!

Seguici su Facebook

Accedi

Accedi con Facebook o Twitter

Chi c'è on line

Abbiamo 1495 visitatori e 2 utenti online

Newsletter Prof-ins

Iscriviti alle nostre newsletter se vuoi essere aggiornato costantemente con le nostre notizie. Siamo oltre 50.000 e cresciamo ogni giorno di più
Ricezione
Privacy e Termini di Utilizzo

 

Professione insegnante si estende su Facebook. Un gruppo di insegnanti tra i più frequentati della rete in cui trovare gli articoli di questo sito, commentarli condividerli. Un gruppo in cui porre quesiti e trovare le risposte di oltre 56.000 colleghi.

 iscriviti subito clicca qui

 

 

Il grande pasticcio della mobilità è servito!

mobilità

Una legge scritta in modo contorto dove basta una diversa interpretazione di un termine perchè cambi tutto è sempre pericolosa. In fatto di mobilità straordinaria, la legge 107 non parla per nulla chiaro e lascia innumerevoli vuoti: i docenti immessi in ruolo ante legem avranno diritto ad una mobilità straordinaria ma finiranno negli ambiti territoriali. Ma cosa faranno in tali ambiti non è dato sapere. Come funzionerà il meccanismo attraverso il quale andranno a finire nelle scuole non è per nulla chiaro come non è chiaro neanche se essi potranno fare potenziamento in sostituzione ai docenti che lo fanno attualmente.

Nell’onda anomala di ritorno e nel rimescolamento delle carte delle sedi di lavoro di centinaia di migliaia di docenti finiranno un  po’ tutti. Finiranno i docenti che aspirano a trasferimento tra province, finiranno coloro i quali vogliono spostarsi in provincia. Poi ci sono i docenti neo immessi nelle quattro fasi divisi tra concorso e GAE. Quali sono i criteri per valutare i vari punti” chi ha più diritto di chi è davvero difficile capirlo. Non sono bastati 209 commi della legge 107 a specificarlo.
E’ per questo che tra le norme non scritte si insinuano giorni di trattativa tra sindacati e governo. E’ di questi giorni la notizia che i docenti di ruolo ante legem andrebbero a finire su organico di scuola e non di ambito.Ma solo chi è già in provincia... Bene, ma come si concilia la loro assegnazione su scuola nel caso in cui propendano per il potenziamento le cui cattedre saranno su ambito?
E’ evidente che sia in atto un gran pasticcio all’italiana. Alla fine tutti diranno di aver vinto tranne i docenti. I sindacati canteranno vittoria per aver strappato qualche concessione, il MIUR canterà vittoria mistificando la realtà e i docenti sicuramente faranno migliaia di ricorsi impugnando le innumerevoli falle della legge 107.

Non puoi inserire commenti, registrati ed accedi per inserire un commento!